Storie di resilienza: Cabdi Cumar Cali

Cabdi ha 12 anni è rimasto orfano di madre solo da pochi mesi. La sua storia…

Al campo di Halabooqad oggi è un giorno di festa e di riposo: è venerdì. Cammino tranquilla per le strade polverose ed assolate seguendo le mie guide, Faduma e ZamZam, con noi ci sono anche la mia instancabile guardia del corpo e il guardiano del campo che si mantengono poco distanti da noi. Il sole è cocente ed accecante, il cielo sopra di noi è di un azzurro intenso, quasi blu, passo veloce quasi timidamente, tra le piccole case di cemento dal tetto in lamiera, abitate dalle famiglie dei profughi, qualche bambino è incuriosito dal nostro passaggio e ci guarda serio ed intimidito. Noto che alcune case sono state costruite in lamiera, il campo mi sembra molto più ordinato e relativamente pulito rispetto a quando sono stata qui tre anni fa. Qualcosa sta lentamente migliorando.

 

IMG-20171229-WA0006

camminiamo per raggiungere la casa di Cabdi

Penso di essere fortunata e di avere un grande privilegio e perciò sono felice, perché oggi andrò a trovare alcuni bambini che frequentano la nostra scuola.

Tra di loro vi è Cabdi, un ragazzino di dodici anni, dal dolce sorriso e dallo sguardo attento e curioso. Anche lui come Iqra è orfano di madre, morta di parto, ed anche lui come Iqra frequenta la scuola del campo fin dalla prima elementare.

_DSF4293

Cabdi, a scuola, con l’albero realizzato durante il laboratorio d’arte

La sua storia è molto commovente. Cabdi, dopo la scomparsa della mamma, ha deciso di restare al campo con il padre, per continuare ad andare a scuola. Per noi, che non conosciamo le tragiche condizioni di vita dei bambini al campo, è normale che un bambino resti a vivere con un genitore quando l’altro non c’è più; le famiglie che vivono nei campi, invece, hanno consuetudini diverse dalle nostre. Quando muore uno dei due genitori la famiglia si disgrega, i numerosi figli solitamente sono mandati a vivere con i parenti presso altri campi: vanno da una zia, dalla nonna, da una cugina, da qualsiasi parente possa accudirli e spesso i fratelli sono divisi e non si vedono per molto tempo.

Così la decisione ferma e definitiva di Cabdi di restare con il padre per continuare gli studi, è un gesto di speranza e fiducia nel futuro: Cabdi vuole cambiare il suo destino e per quanto sia difficile, continua a studiare; ogni giorno frequenta le lezioni insieme ai suoi compagni di quinta ed ogni giorno, dopo la scuola, inizia a lavorare nel piccolo negozietto del padre.

Il negozio è una casupola costruita con pali di legno e teli di plastica e stoffa lacera, sul pavimento di terra battuta sono stese delle stuoie colorate, Cabdi è seduto in un angolo ed appena ci vede ci viene incontro per salutarci.

_DSF4705

Cabdi ci saluta, dietro di lui il papà

Cabdi e il papà indossano il vestito tradizionale, una sorta di pareo con disegni geometrici, e sopra portano una camiciola lisa, con qualche buco ma pulita. Cabdi è elegante ed ha un portamento fiero.

Ci accomodiamo all’interno e, dopo i saluti di rito, Cabdi ci racconta la sua giornata, ma quando parla della mamma si lascia prendere dalla commozione ed inizia a piangere sommessamente, quasi in silenzio. Dopo la scuola aiuta il padre nel negozio, prepara e vende il tè, riordina le sedie ed il tavolino costruito con povere assi di legno piene di chiodi e schegge; lava i bicchieri nella bacinella di acqua e parla con gli uomini e le donne che vengono al negozio, dove oltre al tè, vende qualche bustina di detersivo, piccoli sacchetti di sale e spezie e nulla più. La sua è una giornata lenta e sempre uguale, non gli rimane molto tempo per giocare con il suo migliore amico e compagno di classe, Zacharye. Raramente gioca perché Cabdi vuole studiare e lo fa con diligenza e passione. La scuola è tutto ciò che gli resta oltre al giovane padre.

 

 

 

 

 

Tagged with: , , , , ,
Pubblicato su racconti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: